Poeta di oggi in San Giovanni in Persiceto, Bolonia, Italia

 

Marco Masetti

 

Sul piano

 

 

Sono smarrito entro oscuri orizzonti,

inaccessibili, senza alba né tramonto.

 

Sopra di me, il nulla,

ai miei piedi, un incrociarsi

fitto di percorsi diritti,

spigoli acuti, angoli rigidi.

 

Comunque io mi sposti,

che mi avvicini o mi allontani,

il freddo immobile confine

incombe come un abisso lontano.

 

Passato e presente non son separati,

non c’é più un futuro,

non ha senso l’attesa,

lo spazio ed il tempo sono ormai raggelati.

 

Invano mi muovo, cammino, percorro,

invano rallento, mi fermo, accelero:

il fosco orizzonte, come specchio lontano,

riflette i bagliori del mio moto vano.

 

Inseguo la convergenea delle parallele,

perennemente immerso nell’oscurità.

 

 

Para ver la versión española, haga clic aquí

 

 

Altri poemi di Marco Masetti:

 

Andrea